Insediamento

I frati cappuccini in pochi mesi rinnovano il vertice dell’ordine nella provincia di Sardegna e Corsica, sbarcano per la prima volta a Olbia, ritornano all’ospedale Brotzu, cambiano la guardia nella parrocchia sassarese di San Francesco, vanno in missione in Georgia. Celebrato alla fine dello scorso mese di aprile il capitolo dei frati – gli stati generali triennali dell’ordine – che ha eletto padre Giovanni Boi ministro provinciale, in poco più di un mese hanno confermato o rinnovato le dodici comunità di frati distribuite a macchia di leopardo in tutta la Sardegna. Con una novità assoluta: dalle prossime settimane saranno anche a Olbia, nella parrocchia di Sant’Ignazio da Laconi, quartiere Sa minda noa, periferia della città gallurese sulla strada per Arzachena. «Il vescovo, monsignor Sebastiano Sanguinetti, ci ha chiesto – dice padre Tarcisio Mascia, guardiano del convento cagliaritano e direttore editoriale del mensile “Voce Serafica” – di guidare questa comunità che non dispone ancora di una chiesa vera e propria e le funzioni religiose si svolgono in un salone. Il richiamo di Sant’Ignazio non poteva rimanere inascoltato». Fra Alberto Costa (37 anni) sarà il parroco e presidente della fraternità; fra Carlo Frau (42) vicario parrocchiale, fra Pierluigi Fresu completa la squadra cappuccina. Dopo alcuni anni di assenza i frati cappuccini ritorneranno nell’ospedale Brotzu. Lasciata la parrocchia-cappellania del vecchio San Giovanni di Dio destinato alla chiusura, i seguaci sardi di San Francesco rientrano con fra Ivano Liguori (36 anni), responsabile, padre Marco Locche (74) e fra Danilo Pischedda (39) nel grande ospedale all’ingresso della città e prendono in mano gran parte della pastorale sanitaria diocesana: un altro cappuccino, padre Giuseppe Carrucciu, è cappellano del policlinico universitario di Monserrato. Dopo oltre sei anni chiesa e convento di San Francesco a Sassari avranno una nuova squadra pastorale: fra Isidoro De Michele (41), guardiano e parroco, fra Thierry Serrano (62), vicario parrocchiale; Giancarlo Pinna (53) cappellano monache e assistente ordine francescano secolare, fra Amedeo Salis, studente. Sono tredici le fraternità cappuccine: Bastia, Cagliari 2, Iglesias, Laconi, Lanusei, Mores, Oristano, Pula, Olbia, Sanluri, Sassari e Sorso. E’ pronto a partire missionario in Georgia il laconese fra Attilio Erdas (53 anni).

 

Fonte: “La Nuova Sardegna”